REGISTER - REGISTRATI
Nuovi Inserimenti Messaggi privati

Forum ~ I Grandi Fotografi ~ Izis Bidermanas

Aggiungi questa foto ai preferiti
winston

Collaboratore
Inviato:
Mar Ott 15, 2013 9:56 am

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando


“Izraël Bidermanas nasce da una famiglia modesta a Marijampole in Lituania, nella Russia zarista, il 17 gennaio 1911. Frequenta la scuola ebraica locale, dove i suoi compagni lo soprannominano “il sognatore”. Nonostante suo padre lo spinga a lavorare come falegname, diventa apprendista fotografo. La pittura lo appassiona e a sedici anni lascia Marijampole per andare a lavorare in altre città della Lituania. Nel 1930 scappa dalla miseria della sua terra per raggiungere la "Parigi dei sogni", capitale dei pittori e degli Impressionisti, dove lavora come stampatore e impiegato in diversi studi fotografici. Da qui, durante la guerra, è costretto a rifugiarsi, con la prima moglie e il figlio Manuel, nella regione del Limousin. Dopo la liberazione di Limoges, nel '44, si arruola nelle Forze Francesi dell’Interno (FFI) e, affascinato dai giovani della resistenza, realizza ritratti straordinari dei partigiani che escono dalla clandestinità. Inizia ad usare lo pseudonimo di Izis e gli abitanti della regione di Limoges scoprono la sua opera grazie a quattro mostre. Suo fratello David viene ucciso con la sua famiglia in Lituania. Finita la guerra ritorna a Parigi, dove prosegue la sua attività di ritrattista, fotografando artisti, poeti, scrittori e pittori (tra gli altri, Argon, Eluard, Breton) che animano la vita culturale della città. Nel 1946, dopo il divorzio, si risposa. Dalle seconde nozze nascerà nel 1948 la figlia Lise. Nel 1947 ottiene la naturalizzazione francese. Dal 1949 inizia a lavorare per Paris Match, collaborando fin dal primo numero come specialista del ritratto, rimanendo poi alla rivista per altri vent’anni. Nel 1950 pubblica il suo primo libro "Les Yeux de l’âme". Nel '51 e nel '53 pubblica rispettivamente i libri "Grand Bal du printemps", realizzato con Jacques Prévert, e Paradis terrestre, con la scrittirce Colette. Sempre nel 1951 viene invitato alla mostra "Five French Photographers" al MoMa di New York con Doisneau, Ronis, Brassaï e Cartier-Bresson. Nel 1955 pubblicato "Israël", con prefazione di André Malraux. Tra il 1963 e il 64 è l’unico fotogiornalista ammesso da Chagall durante la realizzazione del soffitto dell’Operà di Parigi, rare testimonianze della sua preziosa capacità di riuscire a cogliere l’animo e l’ispirazione che muovono gli artisti durante la creazione. Nel 1969 dedica un’intera opera, Le Monde de Chagall, all’amico pittore. Nel 1977 viene pubblicato il suo ultimo libro, "Paris des poètes". Muore a Parigi nella sua casa di rue Henri-Pape, il 16 maggio 1980.” (biografia tratta da www.foto.panorama.it)







Fotografo forse troppo poco conosciuto, ma sicuramente uno dei più importanti del XX secolo, fa parte dei fotografi definiti umanisti come i sui colleghi Brassai, Bresson, Doisneau. Izis scatta da un dato reale e attraverso il suo vissuto lo modifica in una visione personale, questo genere e Izis si caratterizzano per la pulizia formale dell’immagine una ricerca che vuole mettere in simbiosi contenuto, tempo, azione ed emozione.







Jacques Prévert, col quale collabora per la realizzazione di uno dei suoi capolavori “Paris des Rêves”, dice di lui:

"La fotocamera di Izis è una scatola magica. Dalle sue mani fioriscono come per incanto esseri e cose che si aprono e si animano come quei fiori di carta giapponesi che, posti in un bicchier d' acqua, diventano all' istante esseri o cose di un immediato passato. Più tardi, deposte fra le pagine di un libro, sembrano dormire nei loro letti di carta. Ma il lettore apre il libro e le ridesta alla vita quando vuole, e le riconosce anche se non le ha mai viste prima" -Jacques Prévert-





Ogni critica, correzione o aggiunta sono ben accetti Very Happy

_________________


Non bisognerebbe mai dimenticare che tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"

.
Emiliano Scalia

Moderatore
Inviato:
Mar Ott 15, 2013 11:08 am

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
E' uno dei miei fotografi preferiti.
E' in mostra a Firenze fino al 6 gennaio, consiglio chiunque può di andarlo a vedere.
era un genio.

_________________
il mio sito!
il mio blog!
il regolamento: LEGGETELO
winston

Collaboratore
Inviato:
Mar Ott 15, 2013 3:01 pm

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
Emiliano Scalia ha scritto:
...E' in mostra a Firenze fino al 6 gennaio, consiglio chiunque può di andarlo a vedere.
era un genio.


Ecco cosa mi sono dimenticato di dire... sono stato a vederla due domeniche fa e merita davvero di andarla vedere, inoltre si può visitare il Museo Nazionale Alinari della Fotografia.

Alcune informazioni per chi fosse interessato:

ORARIO: Tutti i giorni 10 - 18.30 - MERCOLEDI CHIUSO
Biglietteria: Intero € 9,00; Ridotto € 7,50; Convenzioni € 6,00; Scuole € 4,00; Gratis bambini fino a 5 anni

MNAF: Firenze, piazza S. M. Novella 14a, 055.216310, fax 055.2646990, mnaf@alinari.it

Dimenticavo... Emiliano grazie del passaggio Wink

_________________


Non bisognerebbe mai dimenticare che tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"

.
Inka

Moderatore di sezione
Inviato:
Mar Ott 15, 2013 6:45 pm

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
Emiliano Scalia ha scritto:
E' uno dei miei fotografi preferiti.
E' in mostra a Firenze fino al 6 gennaio, consiglio chiunque può di andarlo a vedere.
era un genio.


Anch'io adoro i suoi scatti. Quella foto con la neve e gente per strada fatta dall'alto mi fa impazzire...ma anche le altre...
Emi, grazie per la segnalazione della sua mostra...non posso mancare Wink


L'ultima modifica di Inka il Mar Ott 15, 2013 6:48 pm, modificato 1 volta

_________________
Inka Smile



"Perchè la vita è un brivido che vola via.."
Inka

Moderatore di sezione
Inviato:
Mar Ott 15, 2013 6:46 pm

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
winston ha scritto:
Emiliano Scalia ha scritto:
...E' in mostra a Firenze fino al 6 gennaio, consiglio chiunque può di andarlo a vedere.
era un genio.


Ecco cosa mi sono dimenticato di dire... sono stato a vederla due domeniche fa e merita davvero di andarla vedere, inoltre si può visitare il Museo Nazionale Alinari della Fotografia.

Alcune informazioni per chi fosse interessato:

ORARIO: Tutti i giorni 10 - 18.30 - MERCOLEDI CHIUSO
Biglietteria: Intero € 9,00; Ridotto € 7,50; Convenzioni € 6,00; Scuole € 4,00; Gratis bambini fino a 5 anni

MNAF: Firenze, piazza S. M. Novella 14a, 055.216310, fax 055.2646990, mnaf@alinari.it



Dimenticavo... Emiliano grazie del passaggio Wink
Wink

Grazie Winston per le informazioni Wink

_________________
Inka Smile



"Perchè la vita è un brivido che vola via.."
winston

Collaboratore
Inviato:
Mer Ott 16, 2013 8:47 am

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
Inka ha scritto:
...Quella foto con la neve e gente per strada fatta dall'alto mi fa impazzire...


C'è anche quella alla mostra, vista stampata sembra quasi un carboncino, particolare e molto bella. Grazie Inka Very Happy

_________________


Non bisognerebbe mai dimenticare che tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"

.
sandrino

Utente Assiduo
Inviato:
Lun Ott 21, 2013 12:36 pm

Profilo Send private message - Invia messaggio privato
Rispondi citando
Interessante proposta,
non conoscevo questo fotografo, mi ha fatto piacere leggere di lui e vedere questi scatti, penso proprio che un giro a Firenze me lo farò.

_________________
La sabbia è oro, per chi non sa'....
www.alessandroinches.com
also on https://www.facebook.com/Sandrinophoto?fref=ts

Mostra prima i messaggi di:  

Pagina 1 di 1
Home delmutolo.com Profilo Preferiti Chi è on line Nuovi Inserimenti Log in Messaggi privati

Record utenti in linea 442 in data Ven Mag 13, 2011 6:29 pm Gruppi
forum fotografia photoshop